condannati non colpevoli - revisione penale Garante nazionale per la tutela dei diritti del detenuto
Chi Siamo Condannati non colpevoli Collabora Link News Eventi Contatti Home Page Collabora Chi Siamo
NEWS
revisione penale
revoca misure prevenzione antimafia
diritti europei dell'uomo
tutela dititto dell uomo

 

 

>> Dettaglio CONDANNATI NON COLPEVOLI
 
       
IL CASO GULOTTA : ACCOLTA LA REVISIONE DELL'ERGASTOLO DOPO 22 ANNI DI CARCERE.
   
 
 
Dopo un lungo e tortuoso iter processuale, GULOTTA GIUSEPPE è stato condannato dalla Corte di Assise di Appello di Catania il 29.11.1989 alla pena dell'ergastolo perchè ritenuto colpevole del duplice omicidio dei carabinieri CARMINE APUZZO e SALVATORE FALCETTA, entrambi in servizio presso la stazione dei carabinieri di Alcamo Marina, località balneare vicino ad Alcamo in provincia di Trapani.
Prima di quella sentenza, il GULOTTA era stato assolto dalla Corte di Assise di Trapani, in data 10.02.1981, condannato dalla Corte di Assise di Appello di Palermo all' ergastolo in data 23.06.1982, sentenza annullata dalla Cassazione, condannato ancora con sentenza della Corte di Assise di Appello di Palermo in data 26.11.1985, annullata dalla Cassazione in data 12.10.1987.
La Corte di Assise di Appello di Caltanissetta condannava il GULOTTA alla pena di anni trenta, la cui sentenza veniva ancora annullata dalla Cassazione che rimetteva gli atti alla Corte di Assise di Appello di Catania che ha infine ha pronunciato la sentenza alla pena dell'ergastolo.
Così, ben otto processi hanno impegnato la vita del giovane GULOTTA a partire dal 1976 al 1990, anno in cui viene arrestato e da allora ininterrottamente detenuto presso il carcere di San Gimignano in Toscana.
Negli ultimi due anni è stato ammesso al regime della semilibertà ma è un uomo totalmente cambiato, invecchiato, che ancora crede e spera di trovare “un giudice” coraggioso e serio, che sappia davvero interpretare il senso della giustizia.

- IL FATTO -
La sera del 27.2.1976 un “commando” fece irruzione nella casermetta di Alcamo Marina è uccise i due carabinieri mentre dormivano.
Le indagini presero subito la direzione della matrice politica essendo pervenuto agli inquirenti un volantino di un sedicente gruppo politico ispirato alle Brigate Rosse, ma fino al 12.2.1976 nessun elemento di interesse investigativo venne acquisito.
La notte del 12.02.1976 in un posto di blocco ad Alcamo venne fermato VESCO GIUSEPPE a bordo di una macchina rubata ed in possesso di una pistola di marca Beretta dello stesso tipo di quella utilizzata dai carabinieri: si scoprira dopo che era proprio l'arma rubata all'interno della casermetta ove furono trucidati i carabinieri.
Dopo un lungo interrogatorio, condotto dal nucleo antiterrorismo di Napoli, nel frattempo intervenuto nelle indagini, VESCO GIUSEPPE ammise il suo ruolo nell'eccidio e chiamò in correità MANDALA' GIOVANNI, SANTANGELO GAETANO, FERRANTELLI VICNENZO e GULOTTA GIUSEPPE, gli ultimi tre amici e vicini di casa del VESCO.
Fermati nella notte a cavallo tra il 12 ed il 13 febbraio ed interrogati con le stesse modalità del VESCO tutti, tranne il MANDALA', ammisero la propria partecipazione all'eccidio.
Gli interrogatori di tutti i fermati, così come del VESCO, vennero in un primo tempo effettuati senza la presenza dei rispettivi difensori: il magistrato della Procura di Trapani non avocò a sé le indagini nonostante lo stesso fosse intervenuto presso la caserma di Alcamo ove i fermati erano stati portati..

Alla presenza dei loro difensori e innanzi il magistrato, presso la casa circondariale di Trapani, il pomeriggio del 13.02.1976 VESCO GIUSEPPE, FERRANTELLI, SANTANGELO e GULOTTA GIUSEPPE ritrattarono le rispettive confessioni denunciando di essere stati torturati dai carabinieri per indurli ad ammettere il proprio ruolo nell'eccidio: la sentenza di merito naturalmente ritenne inattendibile la ritrattazione degli imputati ed al contrario attendibili le dichiarazioni confessorie, che proprio perchè si intrecciavano tra esse risultavano conducenti.

-LA REVISIONE -
Dopo oltre trent'anni, un ex brigadiere di quel nucleo antiterrorismo proveniente da Napoli, RENATO OLINO interrogato dal procuratore della Repubblica di Trapani, dr. GIACOMO BODERO MACCABEO rende la terribile verità.
VESCO GIUSEPPE subito dopo l'arresto venne portato presso una casermetta di campagna ( SIRIGNANO distante trenta chilometri da Alcamo ) e sottoposto a torture indicibili: bendato, fu costretto a ingerire enormi quantitativi di acqua e sale, con l'ausilio di un imbuto mentre lo stesso veniva schiacciato fra due piani di legno, tecnica c.d. della cassetta.
All'inqualificabile azione assisteva un medico che interveniva ogni volta che il VESCO perdeva i sensi , e controllava il cuore.
Le operazioni di tortura, durante le quali veniva provocate scariche elettriche sul corpo del VESCO, erano dirette dal ten. Col. GIUSEPPE RUSSO. ( 1)
GULOTTA GIUSEPPE venne invece sottoposto sevizia all'interno della caserma dei carabinieri di Alcamo, ove ammanettato ad un termosifone veniva picchiato con violenza.
Qualche tempo prima del processo VESCO GIUSEPPE dal carcere aveva preannunciato un memoriale ove avrebbe raccontato chi erano i veri complici dell'eccidio del quale ammetteva tuttavia la propria responsabilità.
Il memoriale non pervenne mai comunque alla A.G. in quanto lo stesso VESCO venne trovato morto suicida ??????, impiccato ad un grata della infermeria del carcere di Trapani: VESCO aveva solo una mano perchè l'altra gli era stata amputata, non si capisce ancora oggi come poteva impiccarsi con l'uso di una sola mano ad una grata alta tre metri.

Il difensore di fiducia di allora F.L. ha dichiarato che, nonostante il suo intervento presso la caserma dei carabinieri nella notte del fermo del GULOTTA, il ten. RUSSO gli impedì l'intervento difensivo adducendo che lo stesso GULOTTA non era in stato di arresto e soltanto sottoposto ad accertamenti.

La richiesta di revisione è stata presentata alla Corte di Appello di Catania territorialmente competente.
GULOTTA GIUSEPPE interrogato dal magistrato ha dichiarato: non ho rancore nei confronti dell'Arma ma ora restituitemi la mia vita.
Nonostante l'evidenza delle prove nuove la Corte di Appello di Messina ha dichiarato inammissibile la richiesta di revisione ritenendo la prova addotta non idonea rimuovere il giudicato.
La Corte di Cassazione con sentenza del 9.6.2009 ha annullato quell'ordinanza e rimesso gli atti alla Corte di Appello di Reggio Calabria per il processo di revisione.

La vicenda si è ulteriormente tinta di giallo allorquando il collaboratore di giustizia,
MESSINA LEONARDO nato a San Cataldo il 22.09.1955, o sentito dalla D.D.A. di Palermo il 29.05.1999, ha riferito di avere appreso da CALI' LUIGI che amici della famiglia di Alcamo si erano messi nei guai, specificando che tempo prima era stato programmato un attacco a varie sedi delle istituzioni ubicate in vari comuni della Sicilia e che poco tempo prima della data fissata per l'esecuzione del piano era giunto un contrordine con cui si era deciso di soprassedere.
La revoca del piano non fu mai comunicata alla famiglia di Alcamo che pertanto avevano assaltato la casermetta dei carabinieri.
Nella dichiarazione MESSINA LEONARDO riferisce di non essere rimasto sorpreso dalla rivelazione in quanto già nel 1970 era stato cooptato per partecipare all'assalto alle sedi di Firenze delle Forze dell'ordine in occasione del progetto di golpe Borghese.
GULOTTA GIUSEPPE ha speso la sua vita per un errore giudiziario ordito deliberatamente da una inqualificabile “missione” dei carabinieri che mette in discussione la solidità delle istituzioni dello Stato Italiano.

1. Il col. GIUSEPPE RUSSO era tra gli uomini di fiducia di Carlo Alberto Dalla Chiesa ed era il comandante del Nucleo Investigativo di Palermo quando fu assassinato dalla mafia mentre si occupava del caso Mattei. Quando venne ucciso era a Ficuzza , Palermo (dove stava trascorrendo le vacanze) e stava passeggiando con l'insegnante Filippo Costa, pure lui ucciso insieme a Russo per non lasciare testimoni dell'omicidio. Per il suo assassinio erano stati inizialmente condannati come mandante Rosario Cascio e come esecutori i pastori Rosario Mulè, Salvatore Bonello e Casimiro Russo, ma nel 1997 sono stati assolti. In verità il mandante del delitto fu Totò Riina ed il commando che assassinò il colonnello Russo era formato da Leoluca Bagarella, Pino Greco, Giovanni Brusca e Vincenzo Puccio.

-L'EPILOGO PROCESSUALE E LA RESURREZIONE DI GULOTTA-
Il 13 febbraio 2012 dopo un lungo processo di revisione, che ha visto anche la ricusazione del collegio giudicante che aveva anticipato il proprio pregiudizio, la Corte di Appello di Reggio Calabria ha revocato la sentenza di condanna alla pena dell'ergastolo assolvendo da ogni accusa Gulotta Giuseppe.
Per gli avvocati di Progetto Innocenti, Baldassare Lauria e Pardo Cellini, è stata cancellata una vergognosa pagina della giustizia italiana.
 

 

 

 

 

  ALTRE NOTIZIE CORRELATE
LA SENTENZA DELLA CASSAZIONE CHE AMMETTE LA REVISIONE
CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, SEZIONE PRIMA, SENTENZA DEL 09.06.2012. La Corte ha accolto il ricorso per cassazione presentatao dagli avvocati BALDASSARE LAURIA e PARDO CELLINI avv.....
PROCESSO DI REVISIONE: LA TESTIMONIANZA DI OLINO RENATO
CORTE DI APPELLO DI REGGIO CALABRIA, UDIENZA DEL 26.06.2010. La drammatica testimonianza dell'ex brigadiere dei carabiniri OLINO RENATO che ha riferito le torture cui venne sottop.....
PROCESSO DI REVISIONE: LA DEPOSIZIONE DI GULOTTA GIUSEPPE
CORTE DI APPELLO DI REGGIO CALABRIA, UDIENZA DEL 11 MARZO 2011. L'incredibile racconto di GULOTTA GIUSEPPE, condannato all'ergastolo per la strage di alcamo marina. Ad inchiodarl.....
PROCESSO DI REVISIONE: LA DEPOSIZIONE DI UNO DEI CARNEFICI
CORTE DI APPELLO DIR EGGIO CALABRIA, UDIENZA DEL 11 FEBBRAIO 2010. Il m.llo GIUSEPPE SCIBILIA, uno degli uomini del colonnello Giuseppe Russo che in un momento di follia torturò g.....
PROCESSO DI REVISIONE: LA DEPOSIZIONE DEL GIORNALISTA LA LICATA
CORTE DI APPELLO DI REGGIO CALABRIA, UDIENZA DEL 24.06.2010. FRANCESCO LA LICATA all'epoca cronista de L'ORA, quotidiano palermitano, venne a consocenza subito dell'accaduto nelle.....
PROCESSO DI REVISIONE:DEPOSIZIONE DELL'AVVOCATO E. GRANOZZI
CORTE DI APPELLO DI REGGIO CALABRIA, la deposizione dell'avvocato Eleonora Granozzi, difensore di fiducia di Vesco Giuseppe, sul clima di intimidazione nel quale si svolsero gli in.....
PROCESSO DI REVISIONE: DEPOSIZIONE DI CALCARA VINCENZO
CORTE DI APPELLO DI REGGIO CALABRIA, UDIENZA DEL 27 GENNAIO 2012. Il collaboratore di giustizia CALCARA VINCENZO, escusso in video conferenza, ha riferito alla Corte quanto appres.....
L'INTERROGATORIO DI GULOTTA GIUSEPPE AL MAGISTRATO INQUIRENTE
CASA CIRCONDARIALE DI TRAPANI, 13 FEBBRAIO 1976. Innanzi al magistrato della Procura della Repubblica di Trapani, dr. RAIMONDO GENCO, GULOTTA GIUSEPPE ha gridato, invano, la sua .....
LA CONFESSIONE DI GULOTTA "ESTORTA" DAI CARABINIERI DI ALCAMO
CARABINIERI DI ALCAMO, INTERROGATORIO DEL 13 FEBBRAIO 1976 Gulotta Giuseppe nel torchio dei carnefici alcamesi, con la divisa dei carabinieri, comandati dal capitano Giuseppe Russ.....
PROCESSO DI REVISIONE:DEPOSIZIONE AVV FRANCESCO LAURIA
CORTE DI APPELLO DI REGGIO CALABRIA, UDIENZA DEL 10.12.2010. La testimonianza dell'avvocato FRANCESCO LAURIA, all'epoca difensore di fiducia di GULOTTA GIUSEPPE, sulle plurime v.....
LA SENTENZA DI ASSOLUZIONE DELAL CORTE DI REGGIO CALABRIA
CORTE DI APPELLO DI REGGIO CALABRIA, SENTENZA DE 13 FEBBRAIO 2012. La Corte ha assolto GULOTTA GIUSEPEP per la strage di Alcamo Marina a 36 anni di distanza dall'eccidio, e dopo.....
LA CORTE DI CASSAZIONE RIGETTA IL RICORSO DEL GOVERNO
CORTE DI CASSAZIONE, SEZIONE PRIMA PENALE, SENTENZA DEL 17.06.2014 La sezione prima della Corte di Cassazione, nel noto caso GULOTTA GIUSEPPE, ha dichiarato inammissibile il r.....
 
 
 
Progetto Innocenti Italia  
Via ruggeri da stabello 7 - 24123 Bergamo
Info@progettoinnocenti.it
 
Ci trovi su:

 

Home page Chi siamo Condannati non colpevoli Collabora Link News Eventi Contatti